Bene Comune, Centro Antiviolenza

Nonostante la visibilità data al tema del femminicidio nell’ultimo periodo la violenza sulle donne nelle sue molteplici esternazioni, sconta ancora il problema prioritario del suo riconoscimento.

Lo stupro, la violenza sessuale, i maltrattamenti in famiglia, le molestie sessuali sul luogo di lavoro, gli atteggiamenti intimidatori e svalutanti, l'isolamento e la segregazione, la mancanza di autodeterminazione e di libertà individuale hanno le stesse origini culturali socialmente riprodotte, condivise e legittimate, che fondano la loro ragion d'essere sulla persistente forte asimmetria di genere.

 

Grazie alla Convenzione del Consiglio d’Europa oggi è possibile riconoscere che “la violenza maschile contro le donne è una manifestazione dei rapporti di forza storicamente diseguali tra i sessi, che hanno portato alla dominazione sulle donne e alla discriminazioni nei loro confronti da parte degli uomini e impedito la loro piena emancipazione”.

 

La difficoltà d vivere liberamente gli spazi, i luoghi e le proprie relazioni, la persistenza di pregiudiziali limiti alla vita e alla carriera, il carico infinito di lavoro e il peso della doppia presenza sul mercato del lavoro ed in famiglia, rappresentano innegabilmente, con le differenze legate alle diverse opportunità ed ai percorsi individuali, la realtà quotidiana che attraversa i vissuti e le memorie dell'universo femminile.

 

La possibilità di fuoriuscita dalle molteplici situazioni di difficoltà, soprattutto dalla violenza intrafamiliare, è limitata quasi sempre dall’isolamento, dalla mancanza di opportunità di sostegno concreto, da difficoltà economiche, dalla mancanza di una rete di relazioni e di luoghi dedicati all’accoglienza e al confronto per le donne.

 

Il centro Antiviolenza “Bene Comune” è un luogo che in un'ottica di promozione della qualità della vita e di tutela dei diritti fondamentali delle donne, è finalizzato  al contrasto della violenza di genere con il duplice obiettivo di offrire sostegno e tutela alle donne e di promuovere la diffusione di una cultura innovativa, fondata sul riconoscimento, sulla  denuncia  di tale realtà e sulla sua prevenzione.

 

Il Centro è aperto dal lunedì al venerdì, e grazie alla reperibilità telefonica h 24, interviene anche sulle situazioni di emergenza.

ll Centro è finanziato con i fondi regionali del DD n. 25 del 17/01/2014, Ambito Territoriale C9, Comune Capofila Sparanise. 

Attività del Servizio

Il centro Antiviolenza "Bene Comune" è uno spazio di incontro, confronto, riflessione, ricerca e promozione culturale, dove le donne che subiscono violenza e che chiedono un sostegno potranno trovare:

  • Accoglienza;
  • Ascolto;
  • Consulenza legale;
  • Consulenza Psicologica;
  • Gruppi di auto-aiuto;
  • Orientamento;               
  • Accompagnamento nel percorso di autonomia.

Sede

Centro Antiviolenza "Bene Comune"

Piazza dei Giudici, Palazzo Municipale, Primo Piano - 81043 Capua (CE)

Contatti

Tel: 0823560201

Reperibilità h24: 0823204145